montepescali

(grosseto)

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Messaggio
  • Privacy e Cookie Policy

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

    Vedi Privacy e Cookie Policy

    Vai a e-Privacy Directive Documents

Premio 2016

 

 

XXII PREMIO NAZIONALE DI POESIA “ELISABETTA FIORILLI” gia' Dino Bavona

Il Circolo Culturale Montepescali rende noti i risultati del XXII Premio Nazionale di poesia Elisabetta Fiorilli, la giuria composta da: Presidente Sig.ra Giovanna Tagliaferri, Fulvia Perillo, Giulio Gasperini, Adriano Poletto e Gianluca Franci ha esaminato e giudicato 654 liriche di 231 autori, dopo un attento e scrupoloso esame dei testi sottoposti a giudizio, ha deliberato la graduatoria seguente:

I Premio di euro 750.00
Il bivio oltre la valle dei Templi
di Maricla Di Dio Morgano calascibetta (enna)
Motivazione: Notevolissima sintesi di sentimenti e di storie eterne. La fusione alta e tale da permettere un uso libero e liberante di termini, idee e tempi.

II Premio di euro 350.00
Santabarbara
di Francesco Nesi montespertoli (firenze)
Motivazione: Il canto una spirale che si avvolge per salire ai concetti piu' raffinati e cercare la chiave del sapere, pur consapevoli che il massimo della ragionevolezza inchinarsi al mistero.

III Premio di euro 250.00
Un bambino soldato
di Antonella Iacoponi CASCINA (PISA)
Motivazione: Alla ferocia umana si contrappone la fiammella dell'amore di una madre, sublimata nella sua preghiera affidata al vento, forte dell'impotenza delle sue lacrime. Anche la natura madre e diffonde i profumi di cedro e biancospino per placare il rumore dei fucili.

Premio speciale riservato agli autori della provincia di Grosseto
I sorciverdi
di Livio Bruni ORBETELLO (GROSSETO)
Motivazione: Particolare l'accostamento di memorie poetiche classiche e dotte ad immagini del nostro peggio quotidiano. Originale ed efficace il gioco di accavallare storie, immagini e culture diverse in uno scenario in cui possono vivere solo una biscia d'acqua e una marea di sorci...verdi.

Opere segnalate:

Quelle filastroche un po' banali
di Marisa Provenzano CATANZARO
Motivazione: Dalle antiche filastrocche questo canto mutua la dolcezza del narrare, il fluttuare del ritmo, l'eternita' dell'amore e il fascino del ciclico ritorno delle cose.

E Margherita, figlia dell'Alzheimer
di Fulvia Marconi ANCONA
Motivazione: Struggente poesia che con pudore e rispetto si interroga sulla soglia della coscienza e sul valore della vita per fermarsi, commossa, sulla soglia amletica dell'esistenza.

IPAZIA 2
di Cinzia Demi BOLOGNA
Motivazione: Rivisitazione moderna e dotta dei miti e della intramontabile sensibilita' classica: I temi sono ben fusi e rigenerati da intelligente cultura per camminare con leggerezza tra i misteri e le esperienze di cio' che e' sempre attuale, in quanto umano.

Un nome a questo inverno
di Rita Stanzione ROCCAPIEMONTE (SALERNO)
Motivazione: Intenso e disincantato racconto della vita, fatta di contrasti inspiegabili e di stupori, di presentimenti e di desideri che convivono con incognite e sofferenze.

Era la mia valle
di Bruno Santini LASTRA A SIGNA (FIRENZE)
Motivazione: Una incalzante parabola della vita racconta l'impossibilita' di ritrovare il mondo perduto e lo fa con un ritmo segnato dall'ineluttabilita' della ruota che gira portando con se' "il sordido trofeo della disfatta" verso un oblio pieno di memorie in cui anche Dio distratto.

Ti scrivo
di Anna Magnavacca AULLA (MASSA CARRARA)
Motivazione: I versi attraversano esperienze e sensibilita' poetiche sino ad affondare prima nella memoria poi nel nulla, L'essere, pero', non vuol morire e la chiusa apre all'auspicio della speranza di "imprigionare l'oro di una stella.

Opere segnalate per gli autori della provincia di Grosseto:

Interferenze
di Azzurra Fabbrizzi GROSSETO
Motivazione: La poesia coglie e coagula quell'attimo del vivere che intuisce la sensazione del non essere e lo fa attraverso originali immagini della quotidianita'.

Soqquadro celeste
di Emanuele Monaci GROSSETO
Motivazione: Sicura sintesi di scenari contrapposti e stridenti che creano arditi panorami e bagliori imprevisti in un mondo di sostanziali contraddizioni.

Ritratto di un tempo amico
di Leo Giuliani GROSSETO
Motivazione: Dolce e intensa memoria di un tempo antico ma sempre presente, ricco di promesse e di illusioni dolci e amare.

TESTI LIRICHE PREMIATE

Il bivio oltre la valle dei Templi

Pochi metri di terra battuta, il cancello
e' un cammino scomposto come il respiro di un vecchio in questa
estate che ha colori risaputi. Niente ci sconvolge. Tutto torna
come e' stato e come sara', anche se non saremo qui, simili a cose sazie sfatte di stagioni,
a ripetere la vita come una preghiera in disuso
Accontentarsi d'impronte sul selciato, di sguardi muti come
bave di luna, era ormai un rituale senza tempo
E adesso andiamo. Se cerco la tua mano in un gesto gentile, demode'
trovo vento. Eppure e' un viaggio che accompagna i passi come ieri ...
Quel desiderio che ci abitava...Una radice ficcata nel ventre
il bisogno di te. Mi riposavi nel cuore. Secoli fa.
Ti rivedo sai, per attimo, inevitabile come una malattia infantile
Sei nel canto di un lupo nella neve, nell'allodola sul ramo rosso d'aprile
Eri la bellezza del tutto. Il respiro. Ti rivedo ancora, poi, con la flemma
dell'abitudine, la sconfitta dei vinti. Certo, te lo trascini il sapore di ieri
L'odore sanguigno di un lenzuolo sgualcito. Il campo inseminato
del tuo ventre. La carne...Ma adesso, e' cosi'. Sei solo vento
Ed e' un vento senza ritorno. Va. Oltre il cancello ci stupiscono slarghi
che non conoscevamo. Erano la' a due passi. Eppure..,
Per la valle addormentata tra rovi nudi, gli antichi templi. Quel frontone
di virili gesta. Il guizzo di un muscolo, l'occhio ferino. L'eternita' ha il respiro
della pietra. E', questa, una terra di cose e gente che la sapeva lunga
sull'eterno. E su questa parola, ridi con la rapidita' del falco. E io con te
...Andiamo. Lasciamo dietro i passi, pensieri sfarinati.
E poi II bivio.
Strade bianche come ossa dissepolte. Allungando l'occhio, insistono
lembi dell'eterna valle e su, ancora i rovinosi tetti dei nostri templi
Oltre, e' nebbia d'estate. Vapore caldo. Eppure un brivido ci coglie
Ti guardo con l'addio di un rimpianto cretino. Sei la prima ad andare per questo
viaggio in solitaria. Ed io, solo. Paradossale, ridicolo come un lampione nel deserto
Ritorno tra contorni sfasati. Alle spalle, il cancello, a' un guaito
Su, l'estate avanza e arrivera', con quel sapore acidulo, l'autunno
Mi vedo cotto come un gatto al solleone nel portico, con l'odore addosso
di femmine senza nome. Papaveri in un campo di grano. Quella balorda
nostalgia. E poi, niente. Sara' ancora qui
A contare minuti e ancora, poi, stagioni.

Maricla Di Dio Morgano CALASCIBETTA (EN)

Santabarbara

Credere in dio
bere vino dozzinale
sciare
appassionarsi
alla campagna elettorale
vivere nella paura
le code della domenica
sbellicarsi a teatro
con beckett
tentare la fortuna
mettersi una teca di rettili in soggiorno
rovistare ai mercatini
abbonarsi al pensiero unico
scrivere poesie
fumare
amare
le persone
semplicemente
fanno cose incomprensibili

Franesco Nesi MONTESPERTOLI (FI)

Un bambino soldato

Kambia, Sierra Leone, 11 febbraio 1999
Brilla un lume nella capanna,
la madre attende il ritorno del figlio,
sussurra un'antica ninna nanna,
vicino a un fuoco rosso vermiglio,
vola nel vento una preghiera,
scende la notte, freddo e' il giaciglio,
nel villaggio, imperversa una bufera:
indossa vesti pesanti il bambino?
Si trova ancora vicino alla miniera?
La madre prega fino al mattino,
non la ristora la luce del giorno,
l'alba spande aromi di cedro e biancospino,
le acacie ondeggiano alla brezza, l' attorno,
finalmente e' cessata la tempesta,
ma il figlio non fara' ritorno;
ricorda spesso la madre mesta,
quand'e' fuggita dall'altro villaggio,
- la figlia in braccio, un involto sulla testa -,
son giunti i ribelli, nella sera di maggio,
han preso il bambino, senza esitare,
Il suo sorriso e' soltanto un miraggio,
stordito da droghe potenti, deve sparare
con enormi fucili, per non essere ucciso,
vorrebbe giocare, studiare,
la notte, mille lacrime gli rigano il viso.

Antonella Iacoponi CASCINA (PI)


Miglior autore provincia Grosseto

I Sorci verdi

La discarica e' chiusa, ed ermo e' il colle
di calcinati cumuli e sfaceli:
e un po' mi snerva il brillio
d'acidi smalti, nel giro a vuoto
di ratti imbranati e esagitati,
che risicano senza rosicare.
Siamo alla frutta ovvero al nocciolo:
duro, s'intende; ed e' il momento
dei roditori estremi: si son visti,
infatti, i sorci verdi, che correvano
in massa fino in cima... E si e' visto
poi, al tramonto, nella piana,
un polverone... Uno strano gregge:
non eran pecore e non eran capre... Pecapre
in fuga, si e' pensato... Ma rimane insoluta
la questione se c'e' lana caprina allo sterpame,
e se altra fauna e' ancora da censire...
Per quanto esperto l'occhio si confonde,
s'intravedono squame, in acquitrini,
bolle viscose in forma di meduse...
Appassionati di criptozoologia
continuano a frugare nel buio limo,
e non si sgomentano,
nel trovar l'ossa d'altri appassionati...
Su una sponda di eternit, licheni,
convolute latte e ignote grume,
leggibile ma oscuro un cippo avverte
che qui regnava, un tempo,
il noto Mostro della Laguna Nera.
Ora ci son rimaste poche rane:
spaurite e fioche; e tartarughe
dalle guance rosse: fameliche e incupite...
E attenta e calma, una biscia d'acqua.
Incauti invece i sorci verdi
che, moltiplicandosi, sconfinano;
e si disperdono, seguendo per puro gioco
lo sfasciume; sui versanti di lava,
van giu', a spaglio1, dal primo all'ultimo,
nelle nere plaghe: e se un poco sopravvivono,
si biodegradano e scolorano.
Ma non hanno rosicchiato invano,
perche' stamani non c'e' piu' la cima
ed sfaldato, eroso l'ermo colle
e francamente, il suo franar m'e' dolce.

Livio Bruni ORBETELLO (GR)

 

Immagini di Montepescali

pala matteo di giovanni.jpg

Una Poesia dall'Archivio del Concorso

Ombre
(edizione 2000)

Muto logorarsi di anime sole nel
discreto mormorare di acque,
sciolgono le vesti molli che
si adagiano sul corpo.
L'ombra coglie poche cose
non vince mai sul buono
e si lascia ai disegni
che altro le impone,

Eleonora Bagnani - Roccastrada (Gr)

GTranslate

Chinese (Simplified) Dutch English French German Japanese