montepescali

(grosseto)

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Messaggio
  • Privacy e Cookie Policy

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

    Vedi Privacy e Cookie Policy

    Vai a e-Privacy Directive Documents

Premio 1998


V Edizione – 1998




I Romano Lucio – Lecce
II Sansò Giuseppe – Genova
III Biagiotti Laura – Grosseto




Ripensando a L’altrove di Franco Fortini
(in memoriam)


Se per trovarti
debbo saltare un recinto
tu sei poesia l’altrove, quel giro
azzurro col centro esatto cancellato
che mi chiama. Leggo VIETATO sul legno
e sono incontri-scontri, carreggiate
invase, luna quel cerchio sbarrato
di bianco come un alt
nelle notti di guerra.
Quando ti voglio
debbo colmare burroni, disegnare
appartato trapunti di memorie, di volti
scomparsi, fa nascere la folla nei deserti:
ore e giorni interi a sferruzzare
a fare il punto a croce
sino a quando non s’apre all’improvviso
lo scrigno del linguaggio dell’infanzia.
Lavorata all’uncinetto
la Grecia è la fanciulla che sognammo,
sembra una dea.

Lucio Romano – Lecce


Madera

Amo la luce pomeridiana
perché stanca
di abbagliare
superfici orgogliose,
piuttosto negli anfratti
sotto ad alberi ombrosi
e lungo i muri
di intricate città
si posa - così
come il tempo sui ricordi -
e li riaccende. Allora
finalmente si svela
di tutto
il nostro cercare
una ragione: l’amore
non è forse raccogliere
invece
che ricominciare?
Ci accomuna sapere
dell’assoluto
valore di ogni istante,
amica di sempre,
e del nulla di poi.
Eppure com’è dolce
sentire la tua voce tra pochi
altri sussurri
di vita
in questo esteso silenzio.

Giuseppe Sansò – Genova


Futuro

Andrò per un sentiero nascosto
agli occhi ingannati
una strada di polvere e sassi di fossili.
Verrò - in coscienza - a cercare il
biancospino
azzardo di bellezza, errore divino.
Lo fisserò finché una vertigine molesta
mi impedirà di respirare.
Perdonerò le mie colpe di ragazza
pretenderò dai mille fiori bianchi
l’assoluzione in forma di carezza.

Laura Biagiotti - Grosseto

 

Immagini di Montepescali

santi_stefano_lorenzo.jpg

Una Poesia dall'Archivio del Concorso

Ombre
(edizione 2000)

Muto logorarsi di anime sole nel
discreto mormorare di acque,
sciolgono le vesti molli che
si adagiano sul corpo.
L'ombra coglie poche cose
non vince mai sul buono
e si lascia ai disegni
che altro le impone,

Eleonora Bagnani - Roccastrada (Gr)

GTranslate

Chinese (Simplified) Dutch English French German Japanese