montepescali

(grosseto)

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Messaggio
  • Privacy e Cookie Policy

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

    Vedi Privacy e Cookie Policy

    Vai a e-Privacy Directive Documents

Premio 2017

 

XXIII PREMIO NAZIONALE DI POESIA

"ELISABETTA FIORILLI"

 


 

Il Circolo Culturale Montepescali rende noti i risultati del XXIII Premio Nazionale di poesia "Elisabetta Fiorilli", la giuria composta da:

Presidente Sig.ra Giovanna Tagliaferri, Fulvia Perillo, Giulio Gasperini, Adriano Poletto e Gianluca Franci ha esaminato e giudicato 712 liriche di 252 autori, dopo un attento e scrupoloso esame dei testi sottoposti a giudizio, ha deliberato la graduatoria seguente:

 

I Premio di euro 750.00

D’improvviso su questa stretta valle

di Marcello Di Gianni — BISACCIA – (AV)

Motivazione: Poesia molto ricca di suggestioni che collegano e sintetizzano tempi, luoghi e sensibilita' in una visione universale.

 

II Premio di euro 350.00

Se il tempo

di Franco Fiorini — VEROLI – (FR)

Motivazione: Le espressioni, apparentemente semplici e lineari, sono frutto di una distillazione del dire accurata e sapiente. Le strofe raccontano dell'Uomo e dell'Universo, della vita e del Mistero partendo dal quotidiano e dalle scene campestri.

 

III Premio di euro 250.00

Dove

di Andreina Corso — MESTRE

Motivazione: Dalle profondita' della terra a quelle dell'animo umano il passo e' breve ed il silenzioso e sofferente ritmo di rielaborazione del dolore e' comune.

Il Premio non e' stato ritirato dal vincitore: l'importo e' stato quindi devoluto all'Associazione "Save The Children" come previsto dal Regolamento

 

versamento onlus


 

 

Premio speciale riservato agli autori della provincia di Grosseto

 

La fine della vendemmia

di Guergana Radeva — SCANSANO (GR)

 

Motivazione: Colori forti, immagini quasi caravaggesche danzano in una poesia che affida al simbolo di una falena e al silenzio di rondini in partenza"il messaggio dell'autore.

 

Opere segnalate:

 

Mai potremo dire

 

di Annalisa Rodeghiero — PADOVA

 

Motivazione: Importante riflessione sulla relatività del tempo e sulle collocazioni di passato e futuro. L'autore intuisce la stretta connessione tra passato e futuro senza la quale non vi sono motivi di bene e di speranza.”

 

Assieme d’altitudini e dirupi”

di Monia Casadei — CESENA

 

Motivazione: La poesia svela i diversi atteggiamenti dell'animo umano e lo fa con abili pennellate ed arditi accostamenti. Ogni attenta descrizione deve, pero', fare i conti con il limite dello sguardo e l'incanto del mistero.

 

L’uomo di pietra

di Maurizio Paganelli — MILANO

 

Motivazione: Buona parte dei versi della poesia sono riservati a creare un ambiente fatto di conversazioni quasi silenziose tra persone ancora vitali, ma provate dagli anni e dalla sofferenza. Queste due ultime caratteristiche improntano tutte le cose descritte: i cespugli, il verde delle olive, l'angoscia di cicale e altro.. Infine arriva l'uomo con i dolori che tolgono il fiato e ai quali non si puo' o non si sa dare risposta.

 

Fugit aetas

di Nicola Prebenna — ARIANO IRPINO (AV)

 

Motivazione: Dolce canto che accarezza i desideri, non del tutto sopiti, della giovinezza e li considera come testimoni del fuggire del tempo, ma accanto ad essi valorizza anche altre generose tensioni dell'animo umano.

 

L’amore del poeta

di Fabio Barbon — SPRESIANO (TV)

 

Motivazione: Gioco poetico che ruota sulle declinazioni della parola verso e riesce a creare un messaggio gradevole e ammiccante.

 

La congiunzione

di Simone Mazzei — CALCI (PI)

 

Motivazione: Quasi uno scherzo poetico per una riflessione che allude a realta' piu' profonde. Possiamo, e con quale esito, unire forzatamente realtà diverse tra loro?

 

Nomade perenne

di Giovanni Troiano — TREBISACCE (CS)

 

Motivazione: Importante sintesi della storia umana, che si ripete firmando la propria follia e la propria incapacita' con ritmo ininterrotto. L'uomo da sempre dimentica così di essere solo ospite passeggero e di breve durata.

 

Opere segnalate per gli autori della provincia di Grosseto:

 

Lisbona

di Anna Pizzetti — GROSSETO

 

Motivazione: Il gusto della vita, la voglia di eterna giovinezza che si scontra con l'implacabile evolversi del tempo sono presenti in questo breve e brillante racconto di un'esperienza portoghese.

 

Sudata Terra

di Giancarlo Rosati — ARCIDOSSO – (GR)

 

Motivazione: La poesia testimonia la fatica spossante del lavoro in campagna sotto il sole, ma anche la gioia ristoratrice di un pasto conviviale gioioso. Insostituibili alcuni termini prettamente maremmani.

 

Notturno con granchio

di Livio Bruni — ORBETELLO – (GR)

 

Motivazione: Poesia originale, pregna di simbolismi, ma piacevolmente scorrevole.”

 

 


 

D'improvviso su questa stretta valle

 

D'improvviso su questa stretta valle

adunate di confessioni incrollabili

e timori senza fonte; voci grigie

si confondo come in oratorio.

 

Cosi', come rintocchi di campane

mille echi si diffondono nell'aria,

e si ricolma il cuore del suono

di risonanti foreste senza padrone.

 

Gia' vanno lontane le morte patrie.

E queste fredde e bianche labbra

depongo nel vuoto dell'insonnia,

specchiandomi in un vicino lago.

 

Nella bruma meridiana si piegano

gli alberi al soffio dell'autunno,

e materne rovine si dispiegano

sui fragili rami del mio essere.

 

Cosi' ancora persevero aggrappato

a pallide promesse che un amico

sconosciuto mi canta, e si posa

la neve nel grigio letto del cuore.

 

Nel gelo insolito dell'altura estiva

trascino i finti raggi del vergine

tramonto, e un bianco incantesimo

attorciglia le catene attorno al busto.

 

In metamorfosi sono i secchi torrenti.

E non discernendo ormai le stagioni

giammai andro' incontro alla bruma,

al freddo sole di un lontano cielo

 

Marcello Di Gianni — BISACCIA – (AV)

 

Se il tempo

 

Se il tempo mi donasse un'altra vita

vorrei un padre grande da guardare

e un mare negli occhi di mia madre:

entrarci dentro e sciogliere le vele.

 

Vorrei parlare al cielo ogni mattina,

all'albe chiare delle mie colline

e volare veloce in braccio al vento

a sfiorare i papaveri e le spighe,

 

a rincorrere nenie di cicale

e trionfi di grilli nella sera;

stupirmi poi al fuoco dei tramonti,

danzare con le lucciole alla luna.

 

Se il tempo mi donasse un'altra vita

vorrei assaporar la tenerezza

della mia donna, fatta compagnia;

arrendermi vorrei alla Bellezza:

 

il dono di una sposa resa madre;

io, padre, consegnato alla memoria;

i giovani germogli, come rose,

respiro nuovo dentro il mio giardino.

 

Il tempo sosta un poco e poi riparte,

l'odor di mosto miela la campagna;

chiuso nel seme è il senso dell'ottobre

ma già veste di fuoco il melograno.

 

Se il tempo mi donasse un'altra vita

vorrei tornare dentro le stagioni

e vivere la vita che ho vissuto,

la stessa vita, come l'ho vissuta,

 

col desiderio che mi brucia il cuore,

attesa di un Mistero ch'e' presente.

E già scende la brezza del mattino

sul melograno che riaccende il giorno.

 

Franco Fiorini — VEROLI – (FR)

 

DOVE

 

 

Dentro la terra

m’invento concime.

Sobria la lacrima

per la mia sete.

 

Andreina Corso — MESTRE

 

La fine della vendemmia

 

Tozzo di pane, cipolla e sale,

colmo il bicchiere nella mano callosa,

sotto le unghie mezzelune viola,

e una, falce d'oro,

sul seno nudo della notte,

fragrante di fermentato autunno.

Notte nera fattucchiera

che balla nella vigna sguarnita,

ubriaca, nell'ora di nessuno,

quando la vecchiaia si specchia giovinetta

e l'ebbrezza scioglie la tristezza,

vino d'annata e spuma di mosto...

 

Sul davanzale una falena,

silenzio di rondini in partenza

 

Guergana Radeva — SCANSANO (GR)

 

 

 

 

SEZIONE SCUOLE PROVINCIA DI GROSSETO

 

 

PRIMA CLASSIFICATA

Buio

CLASSE 3/A

SCUOLA PRIMARIA

A. MANZI GROSSETO

 

Il buio impersona le paure di sempre, ma crescere significa fugarle, con l'aiuto della conquistata razionalita' e accompagnati dall'affetto della mamma.

 

 

SECONDA CLASSIFICATA

Io sono una scuola…ormai sola

di Noemi D’Auria

SCUOLA PRIMARIA RIBOLLA

CLASSE 4/B

Incanta la freschezza di questo testo: la personificazione di un oggetto caro e familiare ha il sapore autentico dell'infanzia.

 

 

TERZA CLASSIFICATA

Il mare è mio amico

di Gaia Bonocore

SCUOLA PRIMARIA

A. GABELLI GROSSETO

CLASSE 4/A

 

L'esperienza del mare come insostituibile amico e' impreziosita dall'immagine, molto originale, degli spruzzi dell'acqua sugli scogli come golosi fili di zucchero.

 

 

PRIMA CLASSIFICATA

Malinconia

di Laura Morgiani

SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

D. ALIGHIERI GROSSETO

Classe 2/C

 

La fatica del crescere, nell'alternanza di umori e di passioni, e' ben descritta. Il linguaggio e' semplice, ma i termini sono ben calibrati e selezionati tanto da creare figure significative.

 

 

SECONDA CLASSIFICATA

L'amico sei tu

di Andrea Palmisano

SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

L.PACIOLI FOLLONICA

Classe 1/C

 

La poesia canta un pilastro della formazione infantile: l'amicizia. Allora e' giusto far assomigliare due amici a raggi dello stesso sole che si capiscono anche senza parlare.

 

 

TERZA CLASSIFICATA

ciao

di Carola Della Vecchia

SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

G. Galilei GROSSETO

Classe 3/e

 

Struggente e profondo il dolore per la perdita di una persona cara… sembra che il buio cancelli tutto lasciando solo sgomento. Ma i ricordi rimangono e il buio e' squarciato dalla LUCE… e la speranza di un’attesa riscalda il cuore…

 

 

PRIMA CLASSIFICATA

L'accidia

di Francesco Lenzi

SCUOLA SECONDARIA SECONDO GRADO

LICEO SCIENTIFICO P. ALDI

Classe 5/c

 

La consapevolezza di essere stato esteriormente al proprio posto non dimentica la sofferenza di non aver potuto gridare i propri diritti. Ora e' il momento di farlo, ma il cambiamento richiede di richiamare a se' tutte le forze in cerca di un nuovo equilibrio.

 

 

SECONDA CLASSIFICATA

Ninna nanna

di Giovanni Cerboni

SCUOLA SECONDARIA SECONDO GRADO

LICEO SCIENTIFICO G. CHELLI

Classe 1/a

 

Una inconsueta ninna nanna che segna una linea divisoria tra un passato in bilico tra sogni e colpe e un futuro che il cuore di mamma auspica capace di rinnovarsi e di progettare.

 

 

POESIE SEGNALATE SEZIONE SCUOLE

 

 

Il mare

Mirco Maccarone

Scuola Primaria

A. Gabelli Grosseto classe 4/b

Notevole la sintesi pittorica con cui la poesia coglie gli aspetti caratterizzanti il mare: Sicura la costruzione metrica.

 

 

Pensare alla primavera

Vladimir Costan Ghenu

Scuola Primaria

Ribolla classe 4/b

 

La poesia racconta i motivi di letizia ispirati dalle cose belle che ci circondano e si conclude con un inno alla speranza suonato da una dolcissima campana.

 

 

Liber

Aurora Cazziolato

Scuola Secondaria di Primo Grado

D. ALIGHIERI GROSSETO classe 2/c

Interessante lo spunto e il gioco di significati tratti dallo stesso termine.

 

 

Grigio ferro

Giulia Costabile

Scuola Secondaria di Primo Grado

L. PACIOLI

FOLLONICA classe 3/a

Grigio ferro e' il colore di un cielo senza pace e la poesia narra, in un susseguirsi di immagini incalzanti, la paura e il timore di non avere un futuro provato dai bimbi dei paesi in guerra.

 

 

 

 

 

 

Immagini di Montepescali

baluardo.jpg

Una Poesia dall'Archivio del Concorso

Ombre
(edizione 2000)

Muto logorarsi di anime sole nel
discreto mormorare di acque,
sciolgono le vesti molli che
si adagiano sul corpo.
L'ombra coglie poche cose
non vince mai sul buono
e si lascia ai disegni
che altro le impone,

Eleonora Bagnani - Roccastrada (Gr)

GTranslate

Chinese (Simplified) Dutch English French German Japanese