montepescali

(grosseto)

 
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Messaggio
  • Privacy e Cookie Policy

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

    Vedi Privacy e Cookie Policy

    Vai a e-Privacy Directive Documents

Home Notizie Approfondimenti Wynton Marsalis

Wynton Marsalis

Wynton Marsalis (18 ottobre 1961New Orleans) compositore, strumentista eccelso, "band leader" ed educatore acclamato, sia sul versante jazzistico che classico. Inizia lo studio della tromba all'età di dodici anni e vive le sue prime esperienze da musicista nelle marching band locali, in gruppi jazz e funk, e nelle orchestre giovanili classiche. Salito alla ribalta durante gli anni ottanta con il movimento degli "Young Lions" si ...è subito imposto all'attenzione di critici e case discografiche con il suo quintetto che si ispirava a quello di Miles Davis della metà degli anni sessanta. Cresciuto musicalmente a New Orleans, tra esperienze scolastiche e insegnanti di tromba, fino a diciotto anni, si trasferisce subito dopo a New York per studiare musica. Nella Big Apple viene subito notato dal batterista Art Blakey che lo fa entrare nei Jazz Messengers. Nel 1981 lo chiama il pianista Herbie Hancock e lo porta in tournèe con il suo quartetto. Marsalis diventa famoso. Un anno dopo forma un quintetto e gira per il mondo facendo conoscere il suo jazz. Riscuoterà un successo inaudito: a ventidue anni è il jazzista più famoso del momento. Riceve numerosi premi tra cui il Grammy Award come miglior trombettista jazz e di classica e si piazza al primo posto nella classifica della rivista jazz "Down beat". Sull'onda del successo incide una serie di ottimi album come Think of One (al sax c'è il fratello Branford Marsalis) e J Mood. Nel 1985 scioglie il quintetto e in poco tempo forma un nuovo gruppo composto da sette musicisti. La fase musicale di derivazione davisiana è terminata, con il nuovo gruppo esplora altri territori musicali, vicini a quelli del compositore Duke Ellington. Nel 1995 passa a dirigere l'orchestra del Lincoln Center di New York e porta con sé alcuni musicisti del settetto. Nel 1997 realizza Blood on the Field, una lunga composizione in chiave jazz che trae ispirazione dal lavoro degli afroamericani nei campi di cotone ai tempi della deportazione dall'Africa. Con questa opera vince il premio Pulitzer. Il successo che ne consegue è stellare. Nel 1999 tiene un famoso set di concerti al Village Vanguard, jazz club di New York, che riporta in un cofanetto di sette cd. Oggi, famoso più che mai, ha scritto le musiche per la colonna sonora del film dedicato al grande pugile di colore Jack Johnson, come fece Miles Davis.

Ritorna a programma Grey Cat 2011
 

GTranslate

Chinese (Simplified) Dutch English French German Japanese